Moncalieri, 02/02/2007

…e ora sui nomadi.

Si fa un gran parlare in questi giorni di zingari. In realtà quando parliamo di zingari abbiamo in mente per lo più solamente una caratteristica di questa etnia: il nomadismo. Peraltro vi sono nel nostro paese nomadi che nulla hanno a vedere con gli zingari come etnia.

Questo problema, come pure altri, viene affrontato generalmente da punti di vista ideologici, spesso cavalcando le ondate emozionali che seguono fatti eclatanti (veri o presunti) o situazioni estreme particolari.

Tenterò in questa nota di mettere in luce alcuni aspetti pratici del problema, che io ritengo imprenscindibili.

Innanzitutto la diffusione numerica e territoriale degli zingari è tale da non consentire in pratica soluzioni di espulsioni da singoli paesi o di concentrazioni in zone limitate all’interno di un paese. In passato ogni tentativo di questo genere è fallito, anche se perseguito con metodi attualmente inaccettabili per la nostra civiltà (pogrom e deportazioni forzate di massa). Ricordo che sto parlando di molti milioni di individui presenti in ogni paese d’Europa, seppure con densità variabile da paese a paese.

D’altronde è inutile negare che spesso la presenza di un campo nomadi rappresenta per gli stanziali una fonte di grossi problemi sociali. Io stesso ho dovuto subire gli effetti della vicinanza alla mia abitazione di un campo nomadi, effetti non certo piacevoli costituiti da furti e danneggiamenti continui, senza contare i problemi d’igiene in prossimità del loro campo.

Questa mia esperienza personale mi ha però fornito un’altra indicazione: le condizioni di sicurezza sociale sono cambiate drasticamente quando un nuovo gruppo ha sostituito il precedente; contemporaneamente sono cambiate le condizioni igieniche del campo e dei dintorni.

Quindi non tutti i gruppi di zingari o di nomadi hanno un comportamento simile. Basti pensare al nomadismo dei giostrai, che spesso presenta caratteristiche molto differenti rispetto a quelle di altri nomadi.

Pietro Immordino

 

 Torna a " L'angolo dello zio Pietro "

Torna a " L'angolo di nonno Pietro "

Torna a " La pagina iniziale "