Moncalieri, 3 gennaio 2008

La giustizia negata

La società italiana è in questo momento afflitta da molti mali, ma se dovessi citare qual è il male potenzialmente ed attualmente più grave certamente direi: il funzionamento della giustizia, ossia della possibilità di dirimere le controversie fra i cittadini e di erogare le sanzioni dovute a chi non rispetta le regole della convivenza sociale, in maniera certa e rapida.

I media si occupano della cattiva giustizia solo per riportare e commentare (magari anche oltre il lecito) pochi casi eclatanti, trascurando quella che è la quotidianità del cittadino medio.

Ma anche da questi casi emergono realtà sconvolgenti sia in campo penale sia in campo civile.

Si scopre, ad esempio, che un violento può continuare a minacciare, offendere, percuotere una persona inerme per anni senza che né gli organi di polizia né il potere giudiziario, ancorché richiesti, siano intervenuti efficacemente. A me, come cittadino, importa poco dei motivi giuridici o funzionali che stanno alla base di quest’enorme ingiustizia, mi chiedo solamente: "...e se capita a me?". Perché può capitare a ciascuno di noi e ciascuno di noi si troverebbe indifeso in una circostanza del genere.

E in campo civile: che senso ha arrivare ad una sentenza a decenni dall’inizio della causa, quando magari chi aveva promosso l’azione è ornai deceduto? Che senso ha pagare ad un avvocato una parcella magari superiore al valore dei beni in causa? Che senso ha il fatto che il tuo avvocato non ha alcun interesse personale a concludere in fretta e a tuo favore la causa?

Naturalmente le disfunzioni della giustizia hanno anche pesanti riflessi in campo economico: conviene certo rischiare per corrompere, fare falsi in bilancio, non pagare le tasse, truccare gare pubbliche, se poi si può contare su un’azione penale che, se mai viene intrapresa, sarà comunque vanificata dalla scadenza dei termini processuali, da qualche amnistia o da una sentenza qualsiasi che, prescindendo assolutamente dal merito della questione, si appelli ad una delle tante prescrizioni procedurali in vigore.

Per inciso, la mancanza di reale concorrenza basata sulle capacità che deriva dai comportamenti sopra citati è, a mio avviso, una delle cause che frena lo sviluppo del sistema Italia, per la presenza di aziende che all’interno operano in assenza di serie regole concorrenziali, ma sono poi costrette a confrontarsi all’esterno in termini di competitività.

Ridurre i tempi e le farraginosità dell’azione giudiziaria non aumenta ma riduce i costi che lo stato deve sostenere. C’è da chiedersi, quindi, perché non si pone mano ad una seria e complessiva riforma del sistema delle leggi e dei regolamenti attraverso i quali esse devono essere applicate (in linguaggio giuridico dei codici e dei codici di procedura).

Qualche decennio fa, quando si parlava di riformare i codici c’era sempre qualche insigne giurista che interveniva per fare presente la difficoltà di intervenire su un complesso di decine di migliaia di leggi con riferimenti incrociati, ma oggi ci sono i mezzi informatici che semplificano enormemente la questione.

Quindi o la diffusione della cultura informatica è ancora molto bassa presso la nostra classe dirigente o ci sono troppi interessi che frenano una radicale ed efficiente riforma della giustizia.

Un buon avvocato ha interesse a mandare avanti all’infinito un processo civile con il cliente esasperato che dice: "Mai più!"? Un giudice può essere soddisfatto di vedere vanificata la fatica di tante udienze (molte delle quali evitabili con un altro sistema procedurale) per un cavillo di nessuna importanza pratica? Una persona offesa è contenta dell’inutilità dei suoi tentativi di ottenere giustizia? Ma forse c’è chi la pensa diversamente….

In occasione di processi ai potenti, spesso si ode un coro di lacchè che tenta di imbavagliare anche quel poco di esercizio di giustizia che si tenta, di tanto in tanto, di fare in Italia. A me piacerebbe che si levasse il coro di milioni di cittadini che invocano giustizia; ma qualcuno altro aveva detto "I have a dream"…..

Pietro Immordino

 

 Torna a " L'angolo dello zio Pietro "

Torna a " L'angolo di nonno Pietro "

Torna a " La pagina iniziale "